Associazione Fratelli De Rege

Il contenuto di questa pagina richiede una nuova versione di Adobe Flash Player.

Scarica Adobe Flash Player

ENTRA

"Il calabrone entra nella stanza illuminata, va a battere velocemente contro la lampada, le pareti, i mobili.
Rumore secco delle sue zuccate. Dopo un po’ si acquatta per riprendere le forze.
Ricomincia contro la lampada, le pareti, i vetri e daccapo contro la lampada.
Infine cade sul tavolo, zampe all’aria, la mattina dopo è secco, leggero, morto.
Non ha capito niente, ma non si può dire che non abbia tentato."

Ennio Flaiano